Misure per pagamento pensioni di aprile presso gli uffici postali

Resta sempre aggiornato, iscriviti al nostro canale telegram cliccando su questo link: https://t.me/slpcisltarantobrindisi

Anche in una fase emergenziale come quella attuale, la nostra Azienda, è ritenuta strategica per il Paese in quanto eroga servizi essenziali per i cittadini.
Tra questi uno dei più rilevanti è sicuramente il pagamento delle pensioni che è fondamentale per garantire il sostentamento a centinaia di migliaia di famiglie italiane.
Facciamo seguito, quindi, alle precedenti comunicazioni sul tema per fornirvi un dettaglio sulle principali misure adottate per contenere i rischi di contagio per il personale di Poste Italiane applicato allo sportello in occasione del pagamento delle pensioni del mese di aprile.
Per poter svolgere tali attività garantendo nel contempo la sicurezza di tutti gli sportellisti coinvolti, è stato predisposto il piano qui di seguito descritto.

Regolazione del flusso di pensionati e contenimento altre operazioni per i clienti

  • Estensione periodo di pagamento pensioni con scaglioni specifici declinati per iniziale del cognome su 6 giornate e contestuale anticipo dei pagamenti dal 26 marzo.
  • Campagna pubblicitaria volta a comunicare il nuovo calendario, ad incentivare l’utilizzo degli sportelli Postamat (la data di accredito della pensione sarà comunque per tutti il 26 marzo) e richiamare la cittadinanza a visitare gli UP “solo per operazioni davvero necessarie”.
    Rafforzamento del presidio
  • Rimodulato, in coerenza con i flussi di traffico previsti, piano apertura UP anche al fine di evitare concentrazione di clienti:
    o Previsto in tutti i Comuni italiani almeno un UP aperto, i comuni sopra i 25.000 abitanti avranno sempre almeno un UP aperto tutti i giorni.
    o Ove richiesto in funzione dei flussi di traffico previsti, incrementato il numero di giorni di apertura al mattino in parte degli UP precedentemente razionalizzati e ripristinate alcune aperture pomeridiane in ex UP doppio turno.
  • In particolare, l’offerta sulla rete di UP sarà la seguente:
    o Ca. 9.800 UP aperti almeno un giorno, di cui:
    ▪ Ca. 390 aperti tutti i giorni mattina e pomeriggio (sabato solo mattina) con orario di chiusura al pubblico alle 19:05.
    ▪ Ca. 3.700 aperti tutte le mattine.
    ▪ Ca. 5.700 aperti a giorni alterni o meno di 6 giorni a settimana (in questo caso gli UP serviranno i clienti accorpando i cognomi in base ai gg di apertura).
    o Ca. 3.000 UP chiusi.
  • Avvio della turnazione risorse fino ad oggi in sospensione al fine di garantire contributo alla gestione dei flussi di pensionati e consentire una graduale riduzione dell’effort per le risorse fino ad oggi in servizio.
  • Prevista possibilità di utilizzare specialisti consulenti e altro personale di UP che volontariamente volesse dare il proprio contributo a sportello nei giorni di pagamento pensioni.
  • Effettuata mappatura di UP con previsione di maggiori flussi di clientela al fine di richiedere:
    o Per gli UP in cui è previsto il servizio di vigilanza privata che lo stesso sia finalizzato anche a supportare la regolazione negli accessi all’UP.
    o La sensibilizzazione delle prefetture al fine di prevedere l’intervento preventivo di forze di ordine pubblico.
    Protezione/sicurezza dei dipendenti​
  • In arrivo nuova fornitura di mascherine tipo FFP2 da cambiare ogni 2-3 giorni per tutti gli sportellisti con consegne già da lunedì 23 a partire dalle aree in maggiore criticità
  • Installazione graduale di protezioni in Plexiglass trasparente per maggiore sicurezza degli Operatori di Sportello degli UP Layout a partire dalle aree maggiormente interessate dall’emergenza, con completamento sul territorio nazionale entro la data di pagamento pensioni
  • Previsione di apposito presidio per la gestione dell’afflusso clientela sugli up a maggiore frequentazione; a tale proposito, oltre ad essere state attivate le Prefetture, i Carabinieri e la Polizia Postale, si provvederà anche alla acquisizione di un servizio privato di Guardie Particolari Giurate.
    Aggiornamento su ulteriori forniture
  • In ambito PCL è in corso un’ulteriore fornitura di mascherine di tipo chirurgico da cambiare tutti i giorni per tutti i portalettere
  • Saranno inoltre distribuiti, sempre entro il 27 marzo 50 mila pezzi (circa 42 mila litri) di gel igienizzante ad azione antisettica per le mani)
  • Saranno distribuiti anche circa 14 mila confezioni da 100 pz di guanti monouso entro la fine di questa settimana.
    Restiamo a disposizione per qualsiasi chiarimento si rendesse necessario.
    Cordiali saluti

Pierangelo Scappini
Il Responsabile
(originale firmato)