Incontro su ferie solidali

Nella riunione di domani si prevede un importante avanzamento sul tema delle ferie solidali, una materia ad alto impatto sociale.

La tematica di fondo riguarda il principio alla base delle  modalità di erogazione: banca ore, cessione diretta, o un mix delle due modalità. Comprendiamo bene che la cessione diretta pone problemi di controllo del fenomeno, soprattutto a fronte di elementi degenerativi che ne potrebbero derivare. Tuttavia, il carattere sperimentale dell’implementazione del nuovo istituto potrebbe consentire di percorrere tutte le soluzioni possibili, per poi addivenire, sempre ad esiti del regime sperimentale, ad una sintesi nella strutturazione definitiva dell’articolato.

Inoltre,  occorre valutare, sempre a valle della sperimentazione, un aumento delle casistiche (es. familiari 1° grado conviventi/per sé stesso) e consentire il riporto delle giornate di ferie solidali oltre il termine del 31.12 di ciascun anno di riferimento. Persiste la distanza con la posizione aziendale rispetto alla possibilità di poter ancorare il processo all’interno dei siti produttivi e realtà periferiche in generale. L’azienda, non avendo idea delle dimensioni del fenomeno, ha dichiarato la propria indisponibilità, al momento, a costruire una simile forma di radicamento, in assenza di una filiera di controllo che monitori sul territorio  l’intera fase procedimentale. Occorre valutare nel corso del confronto se insistere su una tale impostazione,  che rischierebbe di far saltare il negoziato o, in alternativa, avviare da subito la fase sperimentale e riprendere il confronto sul radicamento a valle della stessa.

Infine, stiamo costruendo una vera e propria catena solidale in favore di lavoratori con a carico pesanti problematiche di natura familiare. L’Azienda deve assumersi  la responsabilità di un proprio apporto  al processo.

Vi terremo aggiornati

Un pensiero riguardo “Incontro su ferie solidali

  • Giugno 25, 2019 in 18:24
    Permalink

    Speriamo, io sono una di quelle il cui marito lavora in azienda dove chiude solo il mese di agosto, e ogni anno x colpa della rotazione giusta, io soffro perché in ufficio ci sono storie, io per colpa del lavoro di mio marito purtroppo non posso prendere ferie estive in altro periodo, pur favorevoli in tutti i sensi, e per cui come quest’anno, dovrei farmeli da sola e mio marito idem, altri colleghi hanno a disposizione più mesi, io no

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *