EVOLUZIONE MODELLO DI VENDITA CANALE SMALL BUSINESS

Si è chiusa nella giornata di ieri la trattativa relativa alla nuova organizzazione del settore Impresa.

L’Azienda, come noto, ha presentato un piano teso alla specializzazione delle competenze in tale settore e, coerentemente con le specificità di ciascuna Divisione di business, ha mantenuto all’interno di Mercato Privati la commercializzazione dei prodotti finanziari, spostando l’offerta e vendita di posta e pacchi in MBPA.

A fronte dei 993 Specialisti (liv.B) oggi applicati nel settore impresa, l’iniziale proposta Aziendale di riassorbirne 500 in MP e 200 in MPBA era stata ritenuta insufficiente in relazione alle dinamiche di Business e agli obiettivi da perseguire, pertanto respinta dalle Organizzazioni Sindacali.

Dopo una lunga trattativa nella quale l’Azienda ha proposto due fasi di avanzamento, anche queste ritenute insufficienti, si è giunti alla determinazione numerica contenuta nell’accordo, quantificata in 565 Specialisti Small Business in MP e 265 Specialisti Posta e Pacchi in MBPA; le risorse coinvolte saranno assegnate in base all’esperienza maturata nei due settori ed alla composizione dell’attuale portafoglio clienti gestito dagli SCI o SCFI.

Le 163 unità B dichiarate eccedentarie verranno riallocate su attività coerenti con il livello inquadramentale nel raggio di 30 Km dal comune di residenza o dalla sede di lavoro, salvo espressa volontà di diversa applicazione. Per il personale Quadro la definizione delle modalità di reimpiego verrà determinata in un incontro da tenersi entro il mese di febbraio 2020.

L’Azienda, a supporto degli ambiti organizzativi coinvolti, fornirà agli Specialisti tutte le dotazioni informatiche necessarie, unitamente ad una consistente flotta aziendale. Previsto l’acquisto di 500 auto aggiuntive alle circa 1100 già esistenti. Inoltre, verranno predisposti interventi formativi mirati.

Valutiamo positivo l’esito di una trattativa che ha consentito, oltre alla tutela delle professionalità e dei livelli inquadramentali in essere, una gestione delle ricadute occupazionali in termini fortemente riduttivi rispetto alle iniziali rigidità aziendali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *