Accordo sulla mobilità volontaria: comunicato di Poste Italiane

NOTE DI CARATTERE GENERALE

Si comunica a tutto il personale che con l’accordo sindacale del 21 marzo 2019 è stato definito per gli anni 2019- 2020 il sistema di gestione della mobilità nazionale finalizzato a regolamentare le singole domande di trasferimento presentate dai dipendenti interessati a svolgere le proprie mansioni in regioni diverse da quelle di assegnazione.

DESTINATARI DELLA PROCEDURA DI MOBILITA’

Le previsioni dell’Accordo sindacale del 21/03/2019 si applicano alle risorse con contratto a tempo indeterminato di livello B, C, D, E, F, che possono presentare una sola domanda di trasferimento all’anno.

Tale richiesta può essere esclusivamente rivolta ad ottenere il trasferimento:

• nell’ambito del proprio settore di appartenenza;

• per la medesima mansione espletata nel mese di presentazione della domanda; • a parità di regime contrattuale, in relazione ai rapporti di lavoro a tempo parziale; • verso una sola provincia di regione diversa da quella di assegnazione.

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

Per l’anno 2019 il periodo di presentazione delle domande avrà inizio il 1° aprile e terminerà il 15 aprile. Tutte le domande di trasferimento dovranno essere inserite nell’applicativo dedicato al quale sarà possibile accedere attraverso il link di seguito riportato:

https://webpers1a.rete.poste/AccordiMobilitaPortale

Il personale assente a qualsiasi titolo in via continuativa nel periodo dal 1° al 15 aprile sarà avvertito entro l’ 8 aprile a mezzo telegramma.

I dipendenti che non dispongono di una postazione di lavoro personale potranno utilizzare per l’accesso un computer, anche condiviso, presente nella propria sede di lavoro.

I dipendenti impossibilitati ad accedere ad un computer aziendale potranno richiedere l’inserimento a sistema della domanda tramite:

 il proprio Responsabile, consegnando allo stesso una copia del modulo di partecipazione datato e firmato, (Allegato 1 al presente comunicato); il Responsabile, dopo l’inserimento a sistema della domanda, dovrà inviare il modulo sottoscritto dal dipendente alla funzione MARU territorialmente competente, unitamente alla ricevuta di inserimento rilasciata dal sistema;

 la propria Funzione di Marcro Area Risorse Umane, inviando – esclusivamente via mail con avviso di ricevimento (agli indirizzi indicati nell’allegato 2) – il modulo di partecipazione datato e firmato. La data di ricevimento della conferma di recapito della mail inviata al MARU ha valore ai fini della verifica del rispetto

dei tempi pevisti per la presentazione della richiesta di trasferimento.

La compilazione della domanda di trasferimento, sia on line che cartacea, prevede l’inserimento da parte del dipendente esclusivamente delle seguenti informazioni:

 provincia di destinazione richiesta;

 condizioni familiari (punto b.1 dell’Accordo 21/03/2019);

 numero di cellulare;

 indirizzo email (aziendale o personale);

 eventuale sussistenza di patologia elencata all’art. 41 del CCNL;

 eventuale presenza nell’ambito del proprio nucleo familiare di figli conviventi, coniuge/unito civilmente o

convivente “more uxorio” affetti da patologia elencata all’art. 41 del CCNL;

 eventuale appartenenza del coniuge alle Forze Armate o di Polizia;

 in caso di domanda per una delle Province caratterizzate dalla presenza di Isole minori (Napoli, Latina,

Foggia, Agrigento, Messina, Palermo, Sassari, Sud Sardegna, Trapani, Grosseto e Livorno), il lavoratore dovrà evidenziare nel modello di domanda la sua eventuale disponibilità al trasferimento verso le suddette isole.

Eventuali dichiarazioni mendaci relative a fatti o stati che siano rese nell’atto di presentazione della domanda determineranno l’estromissione del lavoratore dalla graduatoria e l’impossibilità di presentare domanda di mobilità per i successivi tre anni.

CRITERI DI ACCOGLIMENTO DELLE DOMANDE

Non saranno prese in considerazione le domande di trasferimento pervenute successivamente alla data del 15 aprile 2019.

I requisiti necessari alla presentazione della domanda (punto 1 dell’accordo del 21/03/2019) e tutti i criteri di determinazione del punteggio ulteriori a quelli sopra riportati (punti b.2 e b.3 dell’accordo del 21/03/2019) verranno automaticamente rilevati dall’applicativo informatico.

I suddetti requisiti, che devono essere posseduti alla data del 31 dicembre 2018, sono:

 anzianità di servizio non inferiore ai 18 mesi;

 permanenza nella sede regionale di ultima assegnazione non inferiore ai 18 mesi.

Nel caso in cui i suddetti requisiti siano soddisfatti, sarà possibile procedere con l’inserimento della richiesta di trasferimento.

Una volta inserita e salvata la domanda di trasferimento on line, la stessa non potrà essere modificata.

In assenza dei requisiti, la procedura on line evidenzierà il/i requisito/i mancante/i, consentendo di proseguire nell’inserimento della domanda di trasferimento solo qualora venga dichiarata l’applicabilità dell’art. 41 CCNL al dipendente ovvero la sussistenza in capo a figli conviventi, coniuge/unito civilmente o convivente “more uxorio” di patologie elencate all’art. 41 del CCNL. In tale evenienza, il dipendente dovrà:

 inviare alla funzione MARU competente, dopo aver completato la registrazione on line della propria richiesta di trasferimento, la documentazione attestante la patologia e la riconducibilità della stessa all’art. 41 del CCNL;

 se ha richiesto l’inserimento nella procedura on line a cura del MARU, allegare la documentazione di cui al precedente punto al modulo cartaceo inviato via mail.

Sia in caso di presenza che di assenza dei requisiti necessari alla presentazione della domanda, la procedura on line consentirà di stampare un documento (“ricevuta”) rispettivamente attestante:

 le informazioni registrate e la data del loro inserimento;

 l’impossibilità di presentare la richiesta con indicazione dello/degli specifico/i requisito/i mancante/i.

Qualora l’inserimento on line avvenga da parte del Responsabile o del MARU, questi provvederanno a far pervenire copia della “ricevuta” al dipendente; inoltre, il MARU procederà all’archiviazione della richiesta di trasferimento predisposta dal dipendente in formato cartaceo e della relativa “ricevuta”.

Le domande di trasferimento hanno validità per un anno.

GRADUATORIE

Conclusa la fase di inserimento delle domande di partecipazione, verranno elaborate le graduatorie provvisorie distinte in base:

 alla provincia di destinazione;

 nell’ambito della medesima provincia di destinazione, al settore di appartenenza / mansione

Le graduatorie non saranno distinte in base al regime contrattuale individuale (full-time/part-time).

Nel caso in cui il dipendente abbia dichiarato di essere affetto da una delle patologie indicate dall’art. 41 CCNL, ovvero abbia indicato la presenza nell’ambito del proprio nucleo familiare di figli conviventi, coniuge/unito civilmente o convivente “more uxorio” affetti da patologia elencata al suddetto articolo, lo stesso sarà comunque inserito in graduatoria secondo il punteggio spettante, ferme restando le specifiche previsioni dell’accordo.

Le graduatorie provvisorie verranno pubblicate sulla intranet e affisse nelle bacheche aziendali entro il 19 aprile.

Entro e non oltre il 30 aprile 2019 gli interessati potranno inviare via mail alle funzioni MARU eventuali osservazioni e/o eccezioni alla graduatoria stessa, esclusivamente attraverso il modulo che sarà appositamente predisposto. Tali eccezioni non potranno in ogni caso determinare una variazione della provincia di destinazione originariamente richiesta.

Le richieste pervenute saranno esaminate entro dieci giorni a partire dal 30 aprile.

Terminata l’attività sopra descritta, verranno pubblicate sulla intranet e affisse nelle bacheche aziendali le graduatorie definitive, che resteranno valide fino alla pubblicazione dei nuovi elenchi relativi all’anno successivo.

TRASFERIMENTI

Le disponibilità provinciali saranno di volta in volta rese note dall’Azienda; i dipendenti inseriti nelle relative graduatorie provinciali potranno esprimere la preferenza verso le sedi disponibili secondo le tempistiche e le modalità che verranno comunicate al personale.

Resta fermo che l’effettivo trasferimento sarà subordinato alla sussistenza di tutti i requisiti indicati nell’intesa del 21 marzo 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *